Questo sito usa i cookie.  I cookiee sono una diavoleria informatica che serve per migliorare il sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookies necessari per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per maggiori dettagli vai su Privacy.
Se hai letto e accetti i cookies di questo sito clicca su Accetto

Articoli

Viva l’America!

Non sarò veloce come un twitter ma questa volta sarò più breve del solito.

Ha vinto Obama, viva l’America. Se avesse vinto Romney, viva l’America lo stesso.

Tutti aspettavano l’elezione del presidente, sembrava che il mondo si fosse fermato in attesa. Adesso tutti a fare festa. Ma c’è un dato che non stanno adeguatamente raccontando.

Il presidente americano viene eletto da un collegio di grandi elettori. Ma le leggi vengono fatte nel Congresso, il parlamento americano, composto di Camera e Senato. Chi ha la maggioranza al Congresso? I repubblicani, ed è anche una maggioranza numerosa. La vittoria di Obama quindi si ridimensiona. Cosa succede adesso?

Ricordate l’agosto dell’anno scorso quando sembrava che gli Usa andassero in default? Successe perché gli Usa avevano raggiunto il limite massimo di debito pubblico, raggiunto il quale per mancanza di soldi vengono automaticamente tagliate delle spese. Allora si raggiunse l’accordo di aumentare il limite del debito pubblico di altri 2.000 miliardi di dollari, dopodichè sarebbero partiti automaticamente dei tagli alla spesa pubblica, il famoso Fiscal Cliff. Tagliare la spesa pubblica significa portare l’economia americana in recessione, così come sta succedendo in Italia e in Europa.

Ora il problema è che il tetto al debito pubblico è stato nuovamente raggiunto (solo in un anno e mezzo contro i due previsti), e questo significa che entro fine mese Obama dovrà trovare un accordo con i repubblicani per decidere se tagliare la spesa pubblica (e su cosa tagliare) oppure aumentare le tasse (e a chi aumentarle).

Se non raggiungono l’accordo sapete cosa può succedere? Avete presente il programma di Carlo Conti quando tra le due parole chiede al concorrente quale sceglie? Immaginate l’abbronzato Carlo dire all’abbronzato Obama: Tasse o Tagli? E subito dopo: Ghigliottina!

Staremo a vedere, ma se nei prossimo giorni i mercati balleranno, Sapete perché!

A presto

Gianni Di Noia

2012

2013

2014

2011

2010

Società

 

Posizionare il vostro device vicino all'immagine e avviare il vostro software QR-CODE che leggerà le informazioni contenute.