Questo sito usa i cookie.  I cookiee sono una diavoleria informatica che serve per migliorare il sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookies necessari per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per maggiori dettagli vai su Privacy.
Se hai letto e accetti i cookies di questo sito clicca su Accetto

Articoli

Miseria trovata, nobiltà perduta

Caro Giuseppe cumpare nepote… a Napule stocio facenn la vita de lu signore… pago sempre io… a la sera me ne vaco al cabarene e me ne esco quanno chiodo… e pe’ questo manname nu poc’ de soldi perché nun tengo manco li soldi pe pagà la lettera allu scrivano che me sta scrivenn la lettera presente…

Grande Totò, precursore dei tempi, attento osservatore di vizi e virtù dell’italiano medio. Peccato che il tempo sia passato ma le cose non sono cambiate. Una volta si diceva che l’esperienza insegna, ma oggi questo detto sembra non essere più attuale.
La crisi continua, i due Super Mario Bros stanno lavorando bene,infatti mentre Super Mario Draghi presta 500 miliardi di Euro alle banche europee praticamente a gratis (tasso all’1%) senza che un centesimo di questi soldi creati dal niente (tutto nuovo debito) sia arrivato all’economia reale, Super Mario Monti aumenta le tasse,taglia la spesa pubblica, organizza la lotta all’evasione con le retate spettacolo a Cortina e Milano, gira il mondo a convicere politica e finanza internazionale che l’Italia sta rimettendo le cose a posto.
Risultato: Moody’s ha abbassato il rating all’Italia e ad altri paesi europei.
E la gente di cosa ha parlato in questi giorni? Primo, del comandante Schettino (in un colpo solo siamo tutti diventati da perfetti allenatori espertissimi di calcio a navigatissimi lupi di mare esperti in navigazione da crociera), poi della gestione dell’emergenza neve (tutti esperti di protezione civile, tranne andare in panico per l’incapacità di montare due catene da neve).
Avessi visto qualcuno poi a fare qualcosa per togliere la neve dalle strade… D’altra parte, in questo mese le borse azionarie salivano, i titoli bancari salivano, gli spread si riducevano, insomma tutte buone notizie, quanto stava succedendo al popolo greco era un problema greco, infatti il nostro caro presidente della repubblica si é affrettato a dire che l’Italia non é la Grecia.
Giusto, ma a parte che un po’ di solidarietà per un popolo alla fame non sarebbe guastata (alla faccia dell’Europa Unita e solidale) il problema é che l’Unione Europea che sta “aiutando” la Grecia é la stessa che sta “aiutando” l’Italia, i mercati finanziari che dove si scambiano i titoli di stato greci sono gli stessi dove si scambiano i titoli italiani.
Ciò che sta accadendo alla Grecia é allucinante, la gestione del problema da parte delle istituzioni europee é folle, il comportamento dei mercati poi… Se penso che qualche mese fa, prima di diventare il salvatore della patria Mario Monti disse che l’effetto più evidente del successo dell’Euro é la Grecia… mi vengono i brividi.
Nel prossimo articolo proverò a spiegare ciò che hanno fatto al popolo greco, oggi accusato di aver vissuto sopra le proprie possibilità, intanto l’unica colpa dei greci é stata di non aver capito in tempo ciò che politici locali e politici europei stavano facendo, come ipnotizzati e portati al massacro dai novelli pifferai Magici (andatevi a cercare il racconto del Pifferaio Magico, é molto istruttivo).
La stessa colpa di noi italiani, perché di fronte ad una situazione assurda continuiamo a vivere come se niente fosse. A fare le scorte di acqua in casa quando fuori é pieno di neve… (follia).
Questi nostri Pifferai Magici ci stanno guidando verso dove? Partiti,istituzioni, sindacati, economisti, parlano tutti di numeri, statistiche, economie, indici, ecc. Quand’é che cominceranno a parlare di persone, di uomini e donne? Quand’é che noi ci sveglieremo dal sonno ipnotico?
L’abbassamento di rating di Moody’s é forse l’ultimo avvertimento, se la massa dorme, ognuno cominci a difendersi dal “così fan tutti”, chi può approfitti della situazione di questi giorni per mettere in sicurezza i propri risparmi. Dicevo due anni tre anni fa che si sarebbe ballato, e la musica non ha ancora smesso di suonare…
A presto

Gianni Di Noia

 

PS: Diceva Totò: Lei é ignorante? Bravo, bravo, viva l’ignoranza, tutti così dovrebbero essere e sei ha dei figliuoli non li mandi a scuola per carità, li faccia sguazzare nell’ignoranza…

2012

2013

2014

2011

2010

Società

 

Posizionare il vostro device vicino all'immagine e avviare il vostro software QR-CODE che leggerà le informazioni contenute.