Questo sito usa i cookie.  I cookiee sono una diavoleria informatica che serve per migliorare il sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookies necessari per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per maggiori dettagli vai su Privacy.
Se hai letto e accetti i cookies di questo sito clicca su Accetto

Crisi

CASELLLLANTEEEEEEEE!!!!!!!

Vi ricordate la barzelletta del casellante? Finiva con l'urlo "Senti che botto!" mentre il treno stava arrivando.

E il botto è forte per molti aspetti.

Il popolo inglese ha votato a favore dell'uscita dall'Unione Europea.

Nonostante la morte della deputata, nonostante i mercati finanziari che scommettevano per il contrario, nonostante tutto il mondo contro, nonostante l'ennesima bufala dei sondaggi più o meno falsificati. Nonostante la ventilata probabilità di brogli elettorali.

Nonostante tutto il popolo britannico ha deciso. Ed ora partirà l'ondata di critiche alla "folle decisione".

In ogni caso la data di oggi è da libri di storia, il mondo cambia.

Il popolo inglese ha mandato a farsi friggere tutta una cultura fatta di teorie economiche fighettine irreali e ci dice a voce alta: "la realtà della vita è diversa dalle teorie economiche e voi cari politici e cari esperti economisti avete fallito".

Chi avrà avuto ragione? La maggioranza del popolo inglese o i politici ed economisti? Una prima risposta credo sia facile darla: oggi i mercati finanziari crolleranno, e questo è già un indizio a favore del popolo inglese!

Ma in fondo che cosa cambia per tutti noi?

Da oggi sarà più difficile andare a lavorare e vivere a Londra, ma allo stesso tempo sarà più conveniente andarci in vacanza.

Cambierà l'idea fighettina di unione dei popoli senza riuscire a risolvere i problemi esistenziali della gente normale.

E' una botta per la generazione Erasmus, quella generazione che si è schiantata con un pulmann alle 4 di mattina di ritorno da una festa in una maledetta strada spagnola, una generazione cresciuta a pane e globalizzazione, troppo ubriaca per capire che quella globalizzazione che li portava in giro per il mondo a far festa, stava distruggendo la vita reale delle persone.

Da oggi comunque la si pensi si cambia!

Ed è interessante che la notizia sia arrivata all'alba. Sveglia ragazzi, sveglia! C'è molto da lavorare. C'è un mondo da ricostruire e da ridisegnare.

E se mi posso permettere. Finalmente.

Gianni Di Noia

2012

2013

2014

2011

2010

Società

 

Posizionare il vostro device vicino all'immagine e avviare il vostro software QR-CODE che leggerà le informazioni contenute.